close

Login

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca
  • cs
  • it

Verso l’azzeramento dei versamenti per diritti d’autore di ristoranti e alberghi?

13.03.2019

La Camera ceca vuole intervenire sul controverso tema dei canoni dei diritti d’autore della musica di sottofondo negli esercizi pubblici. I deputati del principale gruppo alla Camera, quello del movimento ANO 2011, hanno proposto un disegno di legge che abolirebbe i versamenti per i diritti d’autore particolarmente invisi tra ristoratori e albergatori.

Come nota il quotidiano Hospodářské noviny, il disegno di legge ha compiuto un importante passo nell’iter legislativo. Lunedì 11 marzo il governo ha espresso parere neutro rispetto alla proposta. Hanno espresso il loro appoggio al disegno di legge sia ministri in quota ANO, come il guardasigilli Jan Kněžínek, che altri importanti gruppi parlamentari. «La diffusione di musica non ha alcuna valenza economica per i gestori degli esercizi pubblici» sottolineano gli autori del disegno di legge. A favore della proposta, che esenterebbe i locali pubblici dal pagamento del canone alle società degli autori per la musica di sottofondo, anche il partito dei Pirati e, a quanto pare, i comunisti di KSČM. I tre partiti rappresentano una maggioranza assoluta alla Camera.

Non è la prima volta che i legislatori vogliono limitare la riscossione dei canoni versati dagli esercizi pubblici. Tuttavia i gestori collettivi dei diritti d’autore, per i quali i canoni rappresentano una fonte di reddito molto importante, hanno respinto ogni tentativo di limitazione ricorrendo alla giustizia europea. In questo modo la Repubblica Ceca è dovuta ritornare sui suoi passi riguardo all’esenzione degli alberghi approvata nel 2005 e quella per le strutture termali e sanitarie approvata nel 2014. E anche in questo caso la legge verrebbe probabilmente impugnata davanti alla Corte di Giustizia dell’UE.

Fonte: archiv.ihned.cz

Fonte fotografia: Pixabay

Share on FacebookShare on TwitterShare on Linkedin