close

Login

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca
  • cs
  • it

Camera del Fitness: in autunno le perdite del settore ammontano a 750 milioni di corone

14.12.2020

Il settore del fitness e del benessere è tra i comparti più colpiti dall’epidemia del coronavirus e dai relativi provvedimenti del governo. Lo sostiene la Camera Ceca del Fitness (Česká komora ftiness), socio Camic.

Secondo un’indagine della Camera Ceca del Fitness, a cui ha partecipato circa un terzo delle aziende del comparto, ogni centro fitness ha registrato in autunno una perdita media di 620.000 corone. Per tutto il comparto, che conta 1.200 centri e palestre, la perdita viene stimata per circa 750 milioni di corone. Secondo l’indagine i ristori statali hanno coperto le perdite solo in piccola parte. Circa il 75 percento delle imprese ha stimato che i ristori hanno coperto al massimo il venti percento delle perdite.

Le imprese del settore lamentano che le regole previste dal recente allentamento non hanno permesso un pieno recupero delle attività. Dopo il 3 dicembre, la data di possibile riapertura delle palestre, non ha riaperto circa il venti percento dei centri. “Il 72 percento dei gestori che non hanno riaperto, indicano come motivo l’obbligo di avere coperti il naso e la bocca durante l’allenamento, altri indicano come motivo il limite delle persone presenti o il numero massimo di persone agli allenamenti di gruppo” spiega la presidente della Camera Ceca del Fitness Jana Havrdová. Nelle prime due settimane di riapertura le palestre hanno registrato un afflusso ridotto di clienti. Solo un quarto delle aziende ha indicato che l’afflusso, in confronto allo scorso anno, è stati pari o superiore al cinquanta percento.

 

Fonte: komorafitness.cz

Fonte fotografia: Pixabay

Share on FacebookShare on TwitterShare on Linkedin