close

Login

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca
  • cs
  • it

Aggiornamento h. 9.00 – informazioni pratiche generali Covid-19

03.04.2020

Ultimi aggiornamenti:

  • Il governo della Repubblica Ceca il giorno 30.3. ha prolungato le misure di sicurezza fino all'11 aprile 2020.
    È fatto divieto di libera circolazione delle persone in Repubblica ceca ad eccezione di:
    - viaggi verso il posto di lavoro e per lo svolgimento di attività imprenditoriali o simili
    - viaggi necessari verso la famiglia o i propri cari
    - viaggi necessari per la fornitura di beni di prima necessità (anche per un'altra persona)
    - viaggi per recarsi in strutture mediche
    - svolgimento di attività per garantire la sicurezza, la salute, infrastrutture necessarie, fornitura, ecc. Per approfondimento: www.camic.cz
    In vigore anche le chiusure di tutti i negozi. Eccezione per gli alimentari, negozi di prodotti di igiene e cosmesi, farmacie, mercerie, benzinai, autolavaggi, ferramenta e servizi di riparazione domestica. Restano attivi anche i tabaccai, i negozi di piccoli animali, gli ottici e i negozi di informatica e computer. Dalle 6.00 di sabato 14 marzo chiusi anche sale giochi e casinò. Anche la chiusura delle attività di ristorazione è stata prorogata. Le misure restrittive saranno valide fino all'11 aprile. 
  • Dal 27.3. il governo sblocca le misure restrittive per alberghi e pensioni. Le strutture ricettive possono ospitare tutte le persone che richiedono un alloggio per lavoro, affari o per altre attività commerciali, nonché per gli stranieri per motivi lavorativi e per gli stranieri che si trovano nel Paese in attesa della partenza dalla Repubblica Ceca.
  • Il governo ha approvato la dilazione del pagamento degli acconti sulla tassa di circolazione del 15 aprile e del 15 luglio al 15 ottobre senza interessi di mora o altre forme di penalità. Il pacchetto approvato tocca oltre che gli autotrasportatori, anche le automobili aziendali e le auto usate dalle persone fisiche per le loro attività imprenditoriali.
  • Il governo ha approvato la proposta di esenzione dell’IVA per le merci consegnate a titolo gratuito, che possono aiutare ad attenuare gli effetti della diffusione del coronavirus. Si tratta di merci quali mascherine, respiratori e altri strumenti di protezione, così come disinfettanti e materiali per la loro produzione. L’esonero è valido dal 12.3.2020 per tutta la durata dello stato di crisi.
  • Il programma di sostegno diretto ai liberi professionisti (OSVČ) sarà di competenza del dipartimento di Gestione delle Finanze della RC e avrà come scopo quello di fornire ai richiedenti il contributo una tantum di 25.000 CZK nel corso del mese di aprile. Il programma sarà attivato dopo il completamento del processo legislativo di approvazione, indicativamente intorno al 12 aprile. Per maggiori info sulle condizioni e richieste: https://www.mfcr.cz/cs/aktualne/tiskove-zpravy/2020/mf-spousti-primou-podporu-pro-zasazene-o-38055
  • Il governo ha approvato l'esonero esclusivamente dagli anticipi minimi per le assicurazioni sociali e sanitarie per gli imprenditori individuali per sei mesi, da marzo ad agosto.
  • Il governo ha approvato la sospensione dei registri elettronici di vendita (EET) per tutta la durata dell'emergenza e per i tre mesi successivi. Nessun contribuente dovrà registrare le proprie vendite e questo obbligo non verrà verificato.
  • Il governo ha approvato un aumento del deficit di bilancio statale di quest'anno da 40 a 200 miliardi di corone.
  • Lex covid justice -  Il governo della RC ha approvato la proposta di legge il 31.3., a tutela degli imprenditori in insolvenza, attenuando le condizioni dei debitori, concedendo l'interruzione di alcune pratiche di pignoramento con eventuale esenzione dei periodi di scadenza. Lo scopo è aiutare le persone in corso di giudizio che si trovano in difficoltà e oggetto di reato, i debitori in pignoramento e insolvenza o i soggetti giuridici, come società commerciali e cooperative. La proposta di legge deve ancora essere approvata dal Parlamento della RC.
  • È stata creata la piattaforma online www.spojujemecesko.cz, in cui le aziende possono offrire i loro prodotti o chiedere aiuto ad altre società o aziende.
  • Il governo ceco ha decretato l'uso obbligatorio delle mascherine o di altri strumenti di protezione del viso dal 18.3.2020 per recarsi fuori dall'abitazione. Dal 24. 3. è concesso recarsi all'esterno in raggruppamenti al massimo di 2 persone. Ad eccezione delle famiglie, i gruppi di più persone sono consentiti solamente per lo svolgimento della professione, funzioni funebri e attività lavorative specifiche.
  • Divieto di entrata ed uscita dalla Repubblica ceca dalla mezzanotte del 16 marzo: Partendo dalla mezzanotte tra domenica e lunedì (dal 16 marzo 2020 h.00:00) si applica la chiusura totale dei confini della Repubblica Ceca (incluso gli aeroporti).
    - Divieto di ingresso nella RC per gli stranieri: dalla mezzanotte del 16.3. è fatto divieto di ingresso nella RC a TUTTI GLI STRANIERI senza eccezioni.
    - Divieto di uscita dalla RC: dalla mezzanotte del 16.3. è vietato ai cittadini cechi e agli stranieri con la residenza permanente o temporanea nella Repubblica Ceca di viaggiare dalla RC all‘estero. A partire dal 16.3.2020 h. 00:00 è consentito uscire dal territorio ceco solamente alle persone elencate sulla lista delle eccezioni pubblicata qui: www.mvcr.cz. Le agenzie di viaggio devono annullare tutti i viaggi.
  • Il ministro degli Interni della Repubblica Ceca ha deciso di introdurre i controlli ai confini con Austria e Germania a causa della diffusione del coronavirus. Dalla mezzanotte di venerdì 13.3.  è vietato attraversare i confini cechi ad eccezione delle 11 frontiere di controllo aperte, le altre sono chiuse.
  • Gli esami di maturità dovrebbero svolgersi non prima di 21 giorni dopo la riapertura delle scuole, o potrebbero essere sostituiti, nelle scuole superiori, dai risultati degli studenti delle ultime tre pagelle. Il Consiglio dei Ministri ha inoltre concordato sul fatto che gli esami di ammissione per le scuole superiori non dovrebbero svolgersi prima di 14 giorni dopo la riapertura delle scuole.
  • In Italia è stato prolungato il decreto che prevede la chiusura di ulteriori attività e servizi non essenziali: stop anche a bar, pub e ristoranti; restano attivi tra gli altri alimentari, farmacie, idraulici, meccanici, benzinai, tabaccai ed edicole. Restano garantiti i servizi pubblici essenziali tra cui i trasporti e i servizi di pubblica utilità. Restano garantiti i trasporti. Dal 23 marzo al 13 aprile è in vigore il nuovo decreto che prevede la sospensione di tutte le attività produttive industriali e commerciali. Alle imprese che non erano state sospese dal DPCM del 22 marzo 2020 e che, per effetto del presente decreto, dovranno sospendere la propria attività, sarà consentita la possibilità di ultimare le attività necessarie alla sospensione, inclusa la spedizione della merce in giacenza, fino alla data del 28 marzo 2020. L'elenco delle industrie consentite qui: https://www.mise.gov.it/images/stories/normativa/DM-MiSE-25-03-20.pdf

 

PERSONE DI RITORNO DALL'ITALIA:

Il 6 marzo il governo ceco ha adottato diverse misure riguardanti le persone in arrivo dall'Italia, tra cui un periodo di quarantena obbligatoria di 14 giorni.

Secondo una misura di protezione emanata dal Ministero della Salute ceco, a partire da sabato 7 marzo le persone con residenza stabile o temporanea (trvalý o přechodný pobyt) in Repubblica Ceca di ritorno dall'Italia devono contattare, via telefono o e-mail, il proprio medico curante. Obbligatoriamente il medico prescriverà un periodo di quarantena di 14 giorni, prolungabili nel caso di contagio da coronavirus. Le autorità hanno esortato a osservare la quarantena anche per chi è rientrato in Repubblica Ceca venerdì 6 marzo. Da lunedì 9 marzo vengono fatti degli screening ad alcuni varchi di frontiera con Germania, Austria e Slovacchia.

Altre persone (turisti, stranieri senza residenza stabile o temporanea, ecc.)

La misura di protezione del 10 marzo 2020 ORDINA A TUTTE LE PERSONE che attraversano il confine della Repubblica Ceca e viaggiano da aree a rischio COVID-19, di ottemperare il controllo dei sintomi della malattia infettiva. Tutte le persone a cui sono stati diagnosticati i sintomi SI ORDINA di collaborare con gli operatori sanitari durante il prelievo di un campione biologico e, contemporaneamente SI ORDINA L’OBBLIGO di rispettare la restrizione della libertà di movimento durante tutta la durata delle prove di laboratorio. Se allo straniero viene diagnosticata la malattia COVID-19, la stazione d’igiene (hygienická stanice) competente ordina un periodo di quarantena obbligatoria di 14 giorni conformemente all'art.2 della legge 258/2000 vigente in RC.

Le sanzioni per il mancato rispetto delle misure di protezione riguardanti COVID-19

Il mancato rispetto delle misure ordinate è soggetto a sanzioni pecuniarie previste dalla legge 258/2000 sulla protezione della salute pubblica in RC. Le sanzioni sono fissate a un massimo di 3 milioni di CZK.
In particolare ai sensi dell'art. 80 e 92n, comma 1, lett. b) e comma 3, lett. a):

  1. una persona fisica, giuridica o un imprenditore commette un reato seb) non ottempera l’obbligo imposto da una misura di emergenza emessa ai sensi dell'art. 80 comma 2 lett. g) o ai sensi dell'art. 82 comma 2 lett. m) riguardante la protezione della salute delle persone fisiche durante epidemia, rischio di insorgenza di emergenza, disastro naturale o altra emergenza,

3) in caso di infrazione dell’obbligo può essere applicata una sanzione pecuniaria fino a:

a) 3.000.000 CZK, se si tratta di infrazione ai sensi del comma 1 lett. a), b), c), d), e), g), h), i) o j).

La polizia della RC controllerà il rispetto della quarantena tramite appositi controlli.

* Per le eccezioni - vedi https://www.mvcr.cz/clanek/cestovani-po-dobu-nouzoveho-stavu.aspx
** L'elenco dei Paesi a rischio (in aggiornamento sulla base alle informazioni del Ministero della Salute della Repubblica Ceca) vedi: https://koronavirus.mzcr.cz/staty-sveta-s-vysokym-rizikem-prenosu-nakazy/

 

SERVIZI DI ALLOGGIO A STRANIERI

Il governo della RC ha disposto il divieto di vendita di servizi di alloggio, secondo le disposizioni al punto V/1 del decreto approvato il 15. 3. 2020 n. 214, emanato secondo la Legge 84/2020. Il divieto non si applica alla vendita di servizi di alloggio agli stranieri fino al periodo di partenza dal territorio ceco (periodo determinato) e agli stranieri con permesso di lavoro sul territorio ceco (soggetti cittadini extra-EU).

Per gli stranieri sul territorio della RC si applicano le stesse limitazioni di movimento e misure di sicurezza come per i cittadini cechi.

 

LE CONDIZIONI DELLA QUARANTENA:

Per quanto riguarda i lavoratori, il periodo di quarantena è considerato alla stregua di un periodo di malattia. Il medico curante emetterà quindi un certificato medico elettronico. Ai dipendenti, che devono informare della quarantena via telefono o e-mail il proprio datore di lavoro, spetta quindi il 60 percento del loro stipendio medio. I lavoratori autonomi hanno diritto ai versamenti solo a partire dal 15esimo giorno di malattia, quindi per lo più a conclusione del periodo di quarantena. Nel caso del telelavoro, o quando è il datore di lavoro ad allontanare il proprio dipendente in via precauzionale, spetta invece il 100 percento dello stipendio medio percepito.

CURE MEDICHE PER I CITTADINI ITALIANI CHE LAVORANO IN REPUBBLICA CECA:

Per informazioni sullo stato di salute, visite o controlli per dichiarare l'abilità o l'inabilità al lavoro, contattate il proprio medico curante sul territorio ceco o un qualsiasi altro medico curante, se non registrati presso alcuno studio medico: https://www.mvcr.cz/clanek/nova-povinnost-pro-cizince-zijici-v-cr.aspx 

Registro nazionale dei fornitori di cure mediche:

Qui è possibile vedere l'elenco dei medici curanti attivi sul territorio della RC: https://nrpzs.uzis.cz/index.php?pg=vyhledavani-poskytovatele--pro-verejnost

 

Contatto medico di base parlante italiano a Praga:

MUDr. Vanda Řezníčková, Palackého 720/2, tel. 222 928 255, mob.+420 739 566 996, +39 392 197 8525, http://www.primarnipece.cz/it/covid-19/

Contatto medico di base parlante inglese a Brno:

MUDr. Silvia Husárová, Nerudova 321/7, tel. 541 210 359, www.sabil.cz

Contatto medico di base parlante inglese a Ostrava:

MUDr. Petra Šugarková, Mastného 5, 710 00, tel.: +420 702 010 901, e-mail: info@mudrsugarkova.czhttps://www.mudrsugarkova.cz/

I test per il Covid-19 non vengono somministrati a tutti i cittadini, ma solamente alle persone che riscontrano i sintomi.
La quarantena può essere effettuata in due modi in RC
a) è prescritta dal medico curante,
b) è prescritta dalla stazione d'igiene (hygienická stanice - per es. per le persone con sintomi registrati al confine nel momento di ingresso in RC)

 

Maggiori informazioni dal Ministero della Salute ceco qui: Disposizione ufficiale_MZCR e Accorgimenti in italiano_MZCR

 

ALTRE NOTIZIE:

  • Stanziata una somma straordinaria di 25 miliardi di Euro da parte del Governo italiano da poter utilizzare a stretto giro dopo il varo della proposta per far fronte a tutte le difficoltà di quest'emergenza. Una prima misura impiegherà la metà di queste risorse, l'utilizzo dell'altra metà dipenderà anche da eventuali risorse europee. Il livello di deficit del Paese dipenderà da quanto effettivamente sarà impiegato.
  • Le istituzioni europee pensano a un piano di aiuti per l’Italia: le istituzioni UE stanno avanzando dei piani di aiuto per l’Italia, per prevenire il forte impatto economico che potrebbe esserci nel Paese. Secondo i mezzi di informazione di ČT24 a Brussel si considera l’ipotesi che i soldi che l’Italia sta investendo nella lotta al coronavirus non saranno contati all’interno del disavanzo pubblico nazionale, così che il Paese possa avere più possibilità di impiegare maggiori somme nell’economia.
  • Da giovedì 12.3. dalla ore 22:00 è vietato l'ingresso in Slovenia dall'Italia ad autocarri, autobus e treni. Le misure non riguardano il trasporto di sussidi di sicurezza e sanitari, medicine, aiuti umanitari e spedizioni postali.
  • L'Austria ha bloccato l'ingresso delle persone fisiche dall'Italia a partire da martedì 10.3.2020, alla frontiera vengono effettuati controlli della temperatura. Eccezione per i trasportatori e coloro che per motivi di lavoro presentano la documentazione medica attestante l'assenza di infezione. Per coloro che risultano positivi al test della temperatura non viene rilasciato il permesso di ingresso nel Paese. Conseguentemente alla norma formalizzata dall'Austria nella mattinata dell'11.3.2020, sono stati sospesi i collegamenti ferroviari transfrontalieri con l'Austria garantiti dal servizio Mi.Co.Tra, tra Trieste, Udine e Villacco.

 

Eventuali aggiornamenti di rilievo sono pubblicati sul sito camic.cz e sulla pagina FB Camic.

Si raccomanda di consultare il sito istituzionale dell’Ambasciata d’Italia a Praga dove sono pubblicati  tutti gli aggiornamenti della situazione qui.

Fonte: Camic

Fonte fotografia: mzcr.cz

Share on FacebookShare on TwitterShare on Linkedin