close

Login

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca
  • cs
  • it

Novità nell’ambito delle cessioni intracomunitarie di beni in RC

14.09.2020

La Repubblica Ceca ha introdotto dal primo settembre nella sua legislazione le novità riguardanti la non imponibilità IVA nelle cessioni intracomunitarie di beni. Già dal primo gennaio alcune novità sono state applicate dalle imprese ceche su base volontaria riferendosi direttamente alla direttiva UE in materia, che ha applicazione diretta negli stati membri. Dal primo settembre la norma è diventata obbligatoria.

Le nuove regole chiariscono alcuni aspetti della non imponibilità dell’IVA sulle cessioni di beni verso Paesi aderenti all’UE. Per applicare il regime di non imponibilità il cedente deve necessariamente conoscere il numero identificativo dell’acquirente, in caso contrario deve versare l’IVA in Repubblica Ceca. Per applicare il regime di non imponibilità il cedente deve riportare correttamente i dati della transazione nell’elenco riepilogativo.

La nuova normativa disciplina quali documenti deve presentare il cedente per provare che il bene sia stato effettivamente trasportato in un altro Paese UE. Se a trasportare il bene sia il cedente o una parte terza per conto del cedente basterà presentare due elementi di prova, tra cui, ad esempio, il documento di trasporto, la polizza assicurativa del trasporto oppure la fatture del trasportatore. Nel caso in cui il trasporto venga organizzato dall’acquirente o una parte terza da lui indicata saranno necessari due elementi, tra cui una dichiarazione scritta dell’acquirente attestante l’avvenuto trasporto, una polizza di carico, i dati del pagamento del trasporto o la fattura emessa dal trasportatore.

Le nuove regole riguardano il cosiddetto consignment stock, cioè situazioni, in cui il cedente traferisce la merce in un deposito in un altro stato membro, da cui man mano l’acquirente preleva la merce. Secondo la precedente legislazione ceca il cedente doveva emettere fattura per l’intero carico, quando veniva trasferito all’estero, mentre con la nuova normativa europea è possibile emettere la fattura solo al momento dell’effettivo ritiro dei beni.

La nuova normativa prevede una semplificazione nelle cessioni a catena e il trasporto di beni nell’ambito di queste operazioni. Ciò ha importanti ricadute sulla non imponibilità dell’IVA e sull’obbligo di registrazione.

Fonte: https://www.financnisprava.cz/

Fonte fotografia:Pixabay

Share on FacebookShare on TwitterShare on Linkedin